Beni confiscati alla mafia al Terzo Settore: ottimo segnale, ma serve anche venderli ai privati

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

L’Agenzia Nazionale Beni Confiscati ha emanato il bando per assegnare 1400 immobili della criminalità alle organizzazioni del Terzo Settore.

Finalmente si sta iniziando a fare quello che da tempo le associazioni antimafia chiedono e cioè restituire alla comunità mobili e immobili frutto di attività criminali.

Che questi beni possano essere utilizzati da chi è impegnato nelle opere di volontariato e di aiuto morale e materiale alle persone è una bella notizia soprattutto perché dimostra che qualcosa sta cambiando concretamente. Adesso su questa strada però occorre fare un passo ulteriore.

E’ necessario cioè che questi beni possano essere  immessi anche nel mercato, cioè possano essere acquistabili da privati naturalmente dopo rigorosi controlli. In questa maniera infatti si potranno ricavare risorse utili per sostenere politiche attive a favore della legalità. Penso ad esempio al sostegno di imprese di giovani e di donne nelle aree dove più pesante è l’infiltrazione criminale che sfrutta a proprio vantaggio il disagio economico e sociale per inglobare manodopera utilizzabile per i propri fini criminali.

Parliamone insieme!